I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità.
Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie

Dott.ssa Priscilla Berardi medico, psicoterapeuta, sessuologa  Cell.+39 349 5455417

Meno desiderio

Domanda di Alberto del 02/07/2012

Sto assieme al mio compagno da 15 anni. Sto bene assieme a lui. Siamo molto intimi. Progettiamo molto assieme. Il mio problema è però il calo del desiderio nei suoi confronti.

 


Caro Alberto,

è frequente che in coppie che stanno insieme da lungo tempo si verifichi un calo del desiderio: ormai ci si conosce, non c'è più molto mistero o novità nel fare l'amore, ci si è anche un po' assestati su abitudini che è difficile cambiare. Il calo del desiderio è anche un po' il male della nostra società: di sesso si parla molto, anche troppo, ma alla sovrabbondanza di parole spesso non corrisponde altrettanta abbondanza di atti.

Avete già tentato alcune strade? Quali ripercussioni ha sul suo compagno, su di lei e sul vostro rapporto il fatto di mostrare poca spinta a far l'amore con lui?

Sebbene in parte il calo del desiderio faccia parte della vita delle coppie, quando è marcato o si trascina da tempo e non ha trovato soluzione nonostante tentativi per far rivivere la sessualità, è possibile pensare che all'origine ci sia qualche difficoltà nel rapporto di coppia. Nel letto ognuno di noi non porta solo il proprio corpo, ma anche il proprio stato d'animo, le preoccupazioni, le ansie, le paure, le esperienze, i vissuti, lo stress... Spesso si smette di desiderare il/la partner (questo discorso, ci tengo a precisarlo, vale per maschi e femmine, etero e omosessuali) quando nutriamo un po' di rabbia o di ostilità nei suoi confronti, o quando ci ha deluso in qualcosa, o quando per qualche motivo extra-sessuale è diventato meno interessante e attrattivo come persona, o quando abbiamo bisogno di mettere una muta distanza. Tutti questi sentimenti possono essere anche inconsapevoli, a volte ci si ostina a non volerli prendere in considerazione perché si teme che affrontarli richiederebbe un grande impegno mentale ed emotivo.

Se questa situazione vi mette in stati di disagio e vi crea qualche sofferenza, le cose che potete fare sono due:
- rivolgervi a un sessuologo che vi aiuti a trovare modi nuovi per ravvivare la sessualità e per riscoprire la seduzione: il calo del desiderio non è tra le indicazioni elettive della Psicoterapia Mansionale Integrata, ma un tentativo può essere fatto;
- la terapia più indicata è la terapia di coppia, che vi aiuterebbe a sciogliere quei nodi che vi tengono un po' lontani, a rinnovarvi come coppia pur restando voi stessi, a tornare a guardarvi con occhi incantati. Capisco che possa essere imbarazzante parlare di sé con un "estraneo", affidarsi a qualcuno che non è parte della coppia, ma potreste trovarne grande beneficio su molti piani, incluso e non ultimo quello della sessualità.