I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità.
Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie

Dott.ssa Priscilla Berardi medico, psicoterapeuta, sessuologa  Cell.+39 349 5455417

Astinenza: per obbligo o per scelta?

Domanda di Fede del 23 luglio 2018

Buongiorno, ho 25 anni e sto assieme ad un ragazzo di 29 da due anni e mezzo, lui è vergine, mentre io no. In questo tempo non abbiamo mai avuto un rapporto fisico, nemmeno del petting. Durante i primi mesi lui cercava di avvicinarsi in maniera molto incisiva a me e circa un anno fa abbiamo provato ad avere un rapporto, ma all'inserimento del preservativo ha perso l'erezione...

Nonostante i miei ripetuti contatti le cose non sono però progredite in tal senso; lo bacio, mi bacia, lo accarezzo e lui rimane fermo, sembra quasi intimorito e non interessato, delle volte percepisco l'eccitazione, altre mi sembra meno. Recentemente abbiamo fatto per la prima volta una doccia assieme, lui era molto preso dalla situazione, ma il tutto si è concluso con delle effusioni, senza nemmeno del petting. Giorni a seguire c'è stata una seconda doccia assieme per volontà sua, dove lui però non ha nemmeno raggiunto l'erezione. Com'è possibile? Lui dice di essere attratto da me, ma si rende conto che manca da parte sua la passione, e attribuisce ogni volta la colpa ad una cosa diversa, lavoro, litigi, stanchezza, non è il momento giusto.. Secondo me sono tutte scuse, poiché in questi anni non ci sono mai stati dei contatti e non capisco come sia possibile da parte sua. Vedo che è sempre provvisto di precauzioni, ma ogni volta in cui c'è l'occasione non si avvicina oppure dopo un po' di effusioni si ricompone. Dice di avere delle paure nei miei confronti, si è scusato per la situazione dicendo che non capisce nemmeno lui, che ha bisogno di tempo e di tranquillità ma tutto ciò mi sembra una sorta di blocco. Mi ha detto anche che si tratta di un problema di aspettative, perché lui vorrebbe, ma ha paura. Io non capisco cosa posso fare, se continuare ad avvicinarmi in maniera un po' meno incisiva, oppure aspettare che sia lui a tentare l'approccio? Grazie per la cortesia

Gentile Fede, leggo con interesse la sua domanda.
Penso che in questa situazione non serva né forzare la mano né aspettare. Il comportamento tentennante del suo compagno mi fa pensare senz'altro a una marcata difficoltà ad entrare in una profonda intimità fisica e le ragioni possono essere svariate - dalle insicurezze sulla propria sessualità a paure, a fantasie erotiche inconfessabili, a un'educazione repressiva o traumi pregressi... In un certo senso l'astinenza dai rapporti del suo compagno nella vostra relazione è obbligata.
Ma sono colpita dal fatto che anche lei abbia scelto di restare in questo tipo di relazione, sottoponendosi alla stessa astinenza. Questo mi fa ipotizzare che per lei questa relazione, sebbene frustrante, sia protettiva da timori nei confronti dell'intimità, non pienamente consapevoli. Oppure che si sia instaurato tra voi un gioco fatto di desiderio che può essere più importante dell'appagamento, come se fosse più importante desiderare che avere.

Credo che entrambi abbiate bisogno di approfondire, singolarmente, certi aspetti della vostra sessualità e del vostro modo di entrare nelle relazioni. Vi consiglio quindi di rivolgervi ad uno psicoterapeuta che abbia anche una formazione in sessuologia. Ma ognuno il proprio. Solo in futuro, eventualmente, avrà senso un percorso di coppia; ma prima ci sono dei nodi personali che vanno sciolti.